Usciamo dalla latrina: il mio augurio alcontrario per il 2018

Usciamo dalla latrina: il mio augurio alcontrario per il 2018

So benissimo che vi starete chiedendo:

– “Ma che cavolo di augurio è? Noemi, sei impazzita?”

No, non sono impazzita. Almeno lo spero 😉

Questo è il periodo dell’anno in cui spopolano i post sui bilanci dell’anno appena trascorso, sui buoni propositi per l’anno futuro.

Si fa i conti con quello che si ha o non si ha realizzato. Si comincia a pensare a che direzione dare al 2018.

Io quest’anno ho preferito guardare altrove, o meglio alcontrario 🙂

Datemi un attimo e cerco di spiegarmi meglio.

COMINCIAMO DALLA LATRINA

alt= 2018 2

C’è un testo buddista che recita:

Coloro che restano a lungo nelle latrine si dimenticano di quanto siano maleodoranti” *

Ancora nebbia?

Vediamo quel che ho capito io e, vi prego, se ho capito male, aiutatemi a capire meglio.

La latrina è la sofferenza a cui rimaniamo attaccate/i e da cui non riusciamo proprio a scollarci, quasi facesse parte di noi, quasi sentissimo necessaria alla nostra sopravvivenza.

La latrina è quella situazione in cui siamo immerse/i da tanto di quel tempo che ce ne siamo anche dimenticate/i.

La latrina è quel pensiero costante che ci dice: “È tutto inutile. Questa cosa non cambierà mai”.

La latrina è quel rapporto che “ormai va così da 10 anni“.

LA CONOSCO BENE

alt= 2018 3

Diciamo la verità, ognuna/o ha la sua latrina, che conosce tanto bene e talmente la conosce che non ne sente più il puzzo.

Poi ti capita quel momento mistico, quell’azione differente dalle altre, quel dono della vita (che ci procuriamo da sole/i, questo ormai è chiaro, no?) e

TADÀ

CACCHIO, COME LO SENTI QUELL’ODORE NAUSEABONDO!

E a quel punto te lo dici: “Ma come ho fatto a star lì dentro per tutto questo tempo?”.

A volte non ce ne si rende neanche conto, immerse/i come siamo nella quotidianità, nel lavoro, nelle scadenze.

A volte abbiamo poco tempo per noi, dobbiamo dar retta ai figli, ai genitori, amici, partner.

Ci diciamo che prima o poi faremo quella cosa lì, che arriverà l’attimo giusto, che prima o poi arriverà il nostro momento… e intanto passano i giorni, i mesi, gli anni.

alt= 2018 4

Per me è stato il Giro del Mondo il momento mistico.

L’ho scelto io, l’ha scelto la mia vita profonda.

Non avevo soldi, non sapevo da dove cominciare, avevo una bambina che rendeva il viaggio più complicato (sempre per ansie derivate da quella latrina).

Ma poi siamo partite, aldilà di tutti i “Non potrei”.

E mi è bastato qualche giorno, mica settimane, per sentire un odore diverso. Mi è bastato allontanarmi da quella latrina per chiedermi: “Ma davvero stavo lì dentro? Ma davvero non avevo abbastanza amore per me stessa da rendermene conto?”. E più i giorni passavano, più sentivo allontanare quel cattivo odore. Più il corpo si rilassava. Più la gioia prendeva posto dentro e fuori di me.

STARE ALLA LARGA DALLA LATRINA

alt=2018 5

Poi sono tornata e quel cattivo odore l’ho sentito più forte che mai.

Eccola la latrina che mi aspetta di nuovo.

Mi attira come un’aguzzina. Conosce i miei punti deboli. Sa come adularmi.

Ecco perché è questo l’augurio che faccio a me e a noi per l’anno che arriverà tra qualche giorno.

USCIAMO DALLA LATRINA…

… non necessariamente con un viaggio.

Basta una piccola azione a volte, un piccolo gesto differente da tutti quelli ripetuti giorno dopo giorno.

Basta un NO invece dei continui SÌ.

Basta cercare dentro di sé che cos’è che ci rende felici e farlo senza pensarci, SENZA SE E SENZA MA.

Basta andare dove voleva andare la bambina o il bambino che eravamo a 5 anni (lo so bene che ce lo ricordiamo).

Allora sì che eravamo consapevoli, sapevamo bene di che pasta eravamo fatte/i.

Che ne dite, ci proviamo? Io questa volta in quella latrina non voglio più tornarci. E VOI?

 

 

 

*”Rissho Ankoku Ron”, Nichiren Daishonin

28 thoughts on “Usciamo dalla latrina: il mio augurio alcontrario per il 2018

  1. Apprezzo molto la filosofia che si cele dietro questo articolo. Credo profondamente nel cambiamento e penso che in ognuno di noi si celino potenti energie che possono rendere ognuno di noi più sereni ed energici. Basta solamente trovare la giusta motivazione e questo articolo è anche molto motivante.

    1. La paura, quella c’è sempre. Io, se avessi ascoltato la paura, non sarei mai partita. Da sola, con una figlia piccola, in giro per il mondo. Ma posso assicurarti che siamo state molto più al sicuro che qui in Italia

  2. Tanta saggezza e il mio pensiero perfettamente condiviso : volere è potere, bisogna agire per cambiare le cose, e non lamentarsi e basta. È il migliore augurio in un momento in cui l ‘uomo sembra aver perso qualsiasi sprono all’azione.
    Xx Dasynka

    1. Hai proprio ragione. Di gente che dice tante belle cose ce n’è tanta in giro ma che poi trasforma quello che dice in azione, pochissima

  3. Bellissimo post, ti auguro il meglio e lo auguro anche a me stessa che in quella latrina personalissima che ognuno di noi ha ogni tanto ci torno a sguazzare e a tormentarmici….che la vita ci riservi il meglio e soprattutto che noi siamo in grado di vederlo e coglierlo, in questi ultimi giorni di 2017 ma anche negli anni che verranno!

  4. Sicuramente uno degli auguri più originali che mi abbiano fatto quest’anno, sopratutto perchè sono in una fase della mia vita in cui sto uscendo dalla latrina! Grazie per aver condiviso questo post!

  5. Noemi questo è il post per me! Ma spesso vedo che appena mi spingo oltre, la vita mi sbatte la porta in faccia. Ultimamente è sempre così. Certo noi viviamo nella latrina che dici, ma anche la vita, quando vuole, ci bombarda di palate di m. Scusa, non è molto natalizia come immagine, ma tu lo sai, che in fondo sono buona e positiva…

    1. Lo dici a me che ho parlato di “latrina”? Sai che ti capisco bene. Penso che più che porte in faccia siano nostre resistenze interiori che poi si manifestano come ostacoli esterni. Ma mi rendo conto benissimo che, come dici tu, spalare quella merda, anche se ci appartiene, non è facilissimo. Infatti ho detto “Ci proviamo” 🙂

      1. Per la prima volta in vita mia, desiderosa di novità e di uscire dalla comfort zone, ho deciso (famiglia consenziente ed entusiasta) andare in montagna facendo lì anche proprio il giorno di Natale. Mi sono buttata. E come sta andando? che siamo malati da 4 settimane TUTTI I GIORNI, e al 99% non partiremo. Questa non è merda mia, è tutta della vita.

        1. Mi torna in mente il concetto di “velocità di fuga” del libro “La via dell’artista”. Questa cosa che mi hai raccontato, mi è successa miliardi di volte. Credo ancora che siano delle nostre resistenze interiori ma comprendo benissimo, proprio perché ne ho una VASTA esperienza, che sia complicatissimo averci a che fare

Rispondi