E SE SEI INTOLLERANTE AL LATTOSIO

E SE SEI INTOLLERANTE AL LATTOSIO

In collaborazione con Lactojoy

 

Un uomo saggio una volta mi disse: “Il corpo è una macchina perfetta. Ma se lo rompi, aggiustarlo è quasi impossibile”.

Quell’uomo saggio era mio padre ed io, all’epoca, ero una ragazzina, appena uscita dall’anoressia, che non digeriva un bel niente.

Per anni il corpo non mi ha consentito il momento sociale della cena. Qualunque cosa ingurgitassi, era una nottataccia annunciata.

Poi finalmente ho incontrato una dottoressa che, unendo alla terapia nutrizionale, l’uso dello shiatsu e della riflessologia, mi ha aiutata a ricominciare da dove avevo lasciato.

Me la ricordo ancora quella prima cena a base di una LAUTA mela. Mi sembrava come se avessi mangiato un bisonte intero. E poi, pian, piano son tornata alla vita sociale 🙂

Oggi sono una persona normale che mangia tre pasti al giorno.

Confesso di non essere una mangiona perché ho imparato ad ascoltare il corpo. Quel corpo che per molti anni avevo trascurato.

Perciò se il corpo mi dice “Basta”, tendo ad assecondarlo, a parte in alcune occasioni naturalmente. Mica sono una santa… eheh!

L’INTOLLERANZA AL LATTOSIO

Alt= Intolleranza al lattosio 1

Una delle cose che mi porto dietro è una leggera intolleranza al lattosio.

Del resto sembro essere in buona compagnia. Le statistiche dicono che in Italia il 50% della popolazione è intollerante al lattosio. E tra l’altro ho scoperto una curiosità: l’intolleranza al lattosio ha un legame forte anche con l’etnia. Più a Sud del mondo andiamo, più la percentuale degli intolleranti aumenta.

Ho smesso di bere latte da tempo ma, se c’è una cosa a cui non riesco proprio a rinunciare, sono i formaggi.

In verità non tutti hanno il lattosio. Per esempio il parmigiano, per via della sua lunga stagionatura, non contiene lattosio. Ma quasi tutti i formaggi freschi come la mozzarella e la ricotta, di cui vado pazza, sì.

Tra l’altro il mio omeopata mi ha sempre detto che escludere totalmente il lattosio non è una buona idea perché il lattosio è fonte di calcio, necessario per prevenire l’osteoporosi che ormai ho una certa e ci devo stare attenta 😀

In questo periodo ho scoperto una realtà giovane, che sapete mi piacciono tanto, e che ha brevettato un integratore proprio per l’intolleranza al lattosio. Si chiama LACTOJOY, che già il nome mi mette di buon umore.

LACTOJOY si prende solo prima di consumare pasti dove c’è lattosio, quindi non è una roba di cui diventi dipendente. La scatolina è molto comoda da mettere in borsetta e da portare anche fuori a cena o nei pranzi di lavoro. E tra l’altro è così carina che mia figlia, una volta finite le compresse, me la ruba per metterci le sue cosine preziose, gioielli di carta metallica di solito 😀

Cosa fa LACTOJOY?

Alt= Intolleranza al lattosio 2

LACTJOY fornisce l’enzima LATTASI necessario per digerire il lattosio che nelle persone intolleranti è parzialmente o totalmente assente.

E tra l’altro non bisogna usarlo per settimane per vedere i risultati. Lo noti subito al primo pasto. Personalmente io mi gonfiavo tantissimo dopo aver mangiato burrata o mozzarella, rovinandomi la goduria che provo quando mi dedico a questo cibo degli dei. Invece con LACTOJOY mi sento a posto.

Ehi, non ho scritto che ne potete mangiare in infinite quantità!

Anche perché così farebbe male a chiunque, persino a chi ha lo stomaco di ferro.

E soprattutto, come per tutti gli integratori, please, parlatene con il vostro medico.

Io penso sempre che nessuno, dopo di voi, conosca il vostro corpo come chi vi segue da tempo, soprattutto se è una persona di cui avete fiducia.

In tutto questo, non vi ho detto che la settimana prossima me lo porterò in viaggio perché ne avrò decisamente bisogno.

Infatti andrò in…

SEGUITEMI E LO SCOPRIRETE PRESTO 😉

 

Vi lascio un po’ di link utili per trovare info su LACTOJOY:

CLICCATE QUI per andare al sito ufficiale di LACTOJOY

CLICCATE QUI per la pagina FACEBOOK italiana

 

PS. Ringrazio tutte le persone che su Instagram stories mi hanno raccontano la loro esperienza sull’intolleranza al lattosio. Questo articolo è stato realizzato grazie anche al vostro preziosissimo aiuto. GRAZIE DI CUORE!

16 thoughts on “E SE SEI INTOLLERANTE AL LATTOSIO

    1. Io sono come te. leggera intolleranza al lattosio. All’inizio anch’io ho optato per il latte senza lattosio, poi l’ho abbandonato per il latte d’avena. Devo dire però che con Lactojoy mi posso concedere con serenità quel cappuccino del sabato mattina che mi mancava 🙂 e non solo

    1. Posso confermarti che dopo il tour nel Sud Italia, tra Campania, Basilicata e Puglia, Lactojoy mi ha aiutato a gustarmi tutte le mozzarelle di questi posti con leggerezza

  1. Di intolleranza al lattosio ne so qualcosa. Chi non puo bere latte vaccino puo optare per altre alternative che hanno ben poco da invidiare al latte animale. Quella di cui parli tu è un alternativa molto valida.

    1. Io sono appena tornata da un tour nel Sud Italia e non hai idea di quanti latticini ho mangiato. Devo dire che con Lactojoy mi sono trovata benissimo

    1. Glielo puoi tranquillamente consigliare perché è completamente naturale e, inoltre, io l’ho testato in Campania, Puglia e Basilicata (latticini a gogò) 😀

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.