Human +: la mostra che si fa domande

Human +: la mostra che si fa domande

In collaborazione con Acea Energia

 

Porsi interrogativi è alla base della scienza. Vi ricordate quel bel libro di Carlo Rovelli di cui vi parlai tempo fa? Ecco, Carlo Rovelli è un grande fan delle domande e delle incertezze.

E lui è un uomo di scienza.

Quando poi scienziati ed artisti si mettono insieme e si fanno domande sul futuro, cosa ne viene fuori?

Come evolverà l’essere umano dal punto di vista fisico e biologico?

Come sarebbe il mondo senza internet?

Sapete che sulla terra esistono già dei cyborg?

Questo è il punto di partenza di Human +, una mostra che dalla Science Gallery di Dublino e dal CCCB di Barcellona, fa tappa a Roma al Palazzo delle Esposizioni.

Il segno “+” è stato messo proprio per simboleggiare un atteggiamento positivo verso il nostro futuro.

 

LE PROVOCAZIONI DI HUMAN +

Alt= Human + 2

L’arte è provocatoria? Certo. E lasciatemelo dire. Permettiamo all’arte di provocarci, non a gente piccola ed insulsa le cui azioni sono dettate solo da brama di potere.

Io sono una di quelle convinte che, davanti all’arte, non bisogna emettere giudizi. Semmai sensazioni. Quelle, sì.

Che poi siano sensazioni di disgusto, di irrequietezza, di serenità, di estasi, di paura, beh, che vengano fuori. Le sensazioni sono in fondo dentro di noi. L’arte è solo lo specchio che le tira fuori. Quale miglior modo di affrontare se stesse/i e le proprie convinzioni se non davanti ad un’opera d’arte?

In questa direzione non vi racconterò le opere in mostra perché mi piacerebbe che poteste visitarla. Sarebbe interessante sapere cosa ha tirato fuori ad ognuna/o di noi.

Alt= Human + 4

Attendendo le vostre reazioni (sono curiosa 😉 ), vi lascio questa citazione trovata sul libro di presentazione della mostra.

Da Il robot filosofo di Pascal Chabot.

Il robot dialoga con il filosofo umano Barnabooth:

“A che serve essere umano?”.

Barnabooth sorrise.

“A coltivare il mistero di esistere. A ridurre la violenza. A sperimentare nuove forme di gioia. E lei ha un’idea?”.

“Sono desolato, non ne ho. È lei il filosofo con trent’anni di esperienza. Non invertiamo i ruoli”.

A QUESTO LINK potete trovare tutte le info sulla mostra Human +.

 

“Emozioni da Prima Fila” CON ACEA ENERGIA

Alt= Human + 1

In casa siamo clienti di Acea Energia da tempo (se non mi credete, scrivetemi che vi mostro le bollette 😀 ).

Ora voi mi chiederete? Che c’entra la mostra HUMAN+ con Acea Energia?

C’entra perché questo, come altri eventi, sono premi messi in palio dal contest “Emozioni Da Prima Fila” del programma Acea Con Te.

Quello di cui mi sono resa conto ieri alla mostra è che le persone che erano lì con me, tutte clienti Acea Energia, erano entusiaste.

Nonostante ognuna di loro manifestasse sensazioni diverse rispetto alle opere d’arte, era palese che fossero felici di avere l’opportunità di visitare la mostra.

Ero felice anch’io.

Ma questo non conta perché io sono alcontrario  😉

La cosa che mi colpisce positivamente è VEDERE QUANTA SETE DI CULTURA CI SIA nelle mie e nei miei concittadine/i. Perciò ben vengano iniziative come queste che portano le persone a contatto con eventi culturali, manifestazioni, prime cinematografiche e molto di più.

Queste/i italiane/i mi piacciono da morire 🙂

 

COME PARTECIPARE AL CONTEST

Alt= Human + 3

Un’altra cosa interessante di questo programma è che è semplicissimo registrarsi. Basta un click dal proprio smartphone, pc o tablet. Poi raccogliendo i punti, si possono scegliere i premi dal catalogo, promozioni riservate oppure avere degli sconti sulle bollette.

Con questa stessa semplicità si può partecipare al contest “Emozioni da Prima Fila” e vincere tanti premi ed eventi esclusivi messi in palio ogni mese: basta un click dalla newsletter.

Vi lascio qualche link utile:

A QUESTO LINK, troverete le istruzioni per iscrivervi al Programma fedeltà

QUESTO È INVECE IL LINK per scoprire gli eventi e le promozioni esclusive

E QUI TUTTE LE INFO per il Contest “Emozioni da Prima Fila”

 

ENJOY!

18 thoughts on “Human +: la mostra che si fa domande

    1. Sì, le aziende in questo possono davvero fare tanto. Ecco perché ho deciso di sostenere questa iniziativa di Acea Energia 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.