Cosa vedere a Porto in Portogallo

Cosa vedere a Porto in Portogallo

Mio caro Fernando, l’inquietudine del tuo Soares è stata una compagna fidata per così tanti anni nella mia vita che mi sembrava d’averti costantemente con me, quasi fossi il mio spirito guida.

Poi gli anni sono trascorsi e quella inquietudine si è trasformata in una forza creativa travolgente che talvolta sfocia in momenti di grande gioia, talvolta in attimi di infinita irrequietezza.

Quando ho messo piede a Porto, me la sono sentita tutta addosso, quell’inquietudine, come se fosse sedimentata in ogni azulejos, in ogni vicolo, in ogni gabbiano che sorvolava la mia testa.

L’ho amata a prima vista questa Porto nostalgica, un po’ decadente, dal profumo di pescatori e di scrittori maledetti dei primi del ‘900.

L’ho respirata nei suoi meandri, nelle sue sfaccettature più buie, nelle facce gentili e semplici dei suoi abitanti. E sicuramente di questo viaggio in Portogallo resterà il vero cuore, il punto nodale da cui poi sviscerare emozioni e destinazioni.

Perdonate questo mio incipit affettivo ma è un rapporto speciale quello che mi lega a Fernando Pessoa e sentivo di dovergli rivolgere il mio personale omaggio.

E adesso, bando ai sentimentalismi, e partiamo insieme alla scoperta di un itinerario in cui vi racconterò cosa vedere a Porto, ogni angolo, luogo, dettaglio che credo meriti una tappa in questa città del Portogallo dal sapore vintage.

10 cose da fare e vedere a Porto

1 – Igreja Capela das Almas

Capela das Almas Porto Portogallo
La facciata della Capela das Almas

La prima ed imperdibile tappa tra le cose da vedere a Porto è senz’altro la Igreja Capela das Almas, la “Cappella delle anime”, famosa per la sua immensa facciata di azulejos bianche e azzurre che rappresentano la vita di San Francesco D’Assisi e Santa Caterina a cui è dedicata la cappella.

La trovate in Rua de Santa Catarina 428.

2 – Largo da Pena Ventosa

Largo da Pena Ventosa
Largo da Pena Ventosa

Questa piazza a pochi passi dalla Cattedrale di Porto è un piccolo gioiello colorato dove vi consiglio di fare un aperitivo al tramonto per godervi l’atmosfera rilassante di questa città e magari scattare qualche foto per il vostro Instagram.

3 – Livraria Lello

Livraria Lello
Seduta sulla scalinata della Livraria Lello

La Livraria Lello è tanto bella quanto affollata, ahimè, probabilmente più dagli amanti di Harry Potter che dagli estimatori di biblioteche storiche. Si dice infatti che l’autrice del più famoso piccolo mago della letteratura, J.K. Rowling, si sia ispirata alla Livraria Lello nella descrizione della Hogwarts Library.

È assolutamente da vedere ma armatevi di molta pazienza. La fila alle porte di R. das Carmelitas 144, l’indirizzo esatto della Livraria, è chilometrica a qualunque ora del giorno.

Il costo del biglietto d’ingresso è di 5€. Una cosa positiva è che, se acquisterete un libro, il prezzo del biglietto vi sarà scalato dal vostro acquisto.

4 – Quartiere di Ribeira

Tra saliscendi e vicoli di panni stesi, in questo quartiere silenzioso a ridosso del fiume Duero vi faranno compagnia famiglie di gatti appollaiati sugli scalini a prendere il sole.

Io vi consiglio di girovagare senza meta precisa per sentirne i profumi e respirarne l’animo. E magari di fermarvi a bere un caffè portoghese che, da italiana amante del ristretto, posso affermare non essere affatto male.

5 – Crociera dei 6 ponti

Quartiere Ribeira visto dal porto
Il quartiere Ribeira visto dalla crociera dei 6 ponti

Se volete avere una vista davvero unica sul quartiere Ribeira, ma anche sul Morro do Olival, il vecchio quartiere ebraico, o ancora sul Castello di Gaia che risale all’età del bronzo, prendete il battello dei 6 ponti sul fiume Duero.

Questa crociera vi permetterà di vedere Porto da una prospettiva davvero particolare ed in più scoprirete come sono diversi tra loro questi 6 ponti della città, a partire dal D. Luis I realizzato in struttura metallica, fino a quello di Maria Pia che fu progettato da Gustave Eiffel.

6 – Pérola do Bolhao

In R. Formosa 279, a pochi metri dal Mercato di Bolhao, che purtroppo non è visitabile fino al 2020 a causa di una ristrutturazione, si trova questo negozio di alimentari dove poter acquistare i prodotti tipici del Portogallo, dai formaggi al vino.

Ma certamente a me più del cibo ha colpito la bellissima facciata di Art Noveau e le piastrelle che rappresentano due donne con in mano rispettivamente una pianta da tè e una da caffè.

7 – Sé do Porto

Sé do porto Cattedrale
Il chiostro della Cattedrale di Porto

Non c’è dubbio che la Cattedrale di Porto sia tra le cose imperdibili di questa città del Portogallo. Non a caso è stata dichiarata monumento nazionale.

Si trova nel quartiere di Batalha e il piazzale su cui si apre rappresenta tra l’altro uno dei punti più belli da cui ammirare il panorama sui tetti rossi di Porto.

La cattedrale ha origini tardo-medievali ma, essendo stata ricostruita più volte, si sono sovrapposti stili differenti.

Il portico del Chiostro è senz’altro, almeno a mio parere, il suo punto forte. Lo stile gotico delle arcate è addolcito dalle pareti laterali completamente rivestite da azulejos.

Una meraviglia per gli occhi e per l’anima!

8 – Visita alle cantine del porto

Se avete tempo, vi consiglio di varcare il ponte Luiz I e visitare una delle cantine lungo il fiume. Io ho visitato le cantine Càlem con degustazione finale.

Accompagnate/i da una guida nella vostra lingua scoprirete tutto quello che c’è da sapere sul vino più famoso del Portogallo, con una visita interattiva che include il tour del museo e, per l’appunto, una degustazione.

Tra l’altro io che amo moltissimo il vino porto non avevo mai assaggiato la versione “bianco” e posso assicurarvi che è stata una sorpresa assoluta, lontano dai sapori e dai profumi dei bianchi a cui sono abituata.

Mi è piaciuto molto più del tradizionale rosso!

9 – Igreja de Santo Ildefonso

Igreja de Santo Ildefonso Porto Portogallo
Igreja de Santo Ildefonso

La Chiesa di Sant’Alfonso, in R. de Santo Ildefonso 11, è un’altra di quelle chicche che non potete perdervi a Porto.

Risale al XVIII secolo ed anche qui le azulejos sulle facciate del 1932 la fanno da padrone. A me sinceramente non hanno mai stancato.

In questo caso rappresentano, ovviamente, la vita di Santo Ildefonso.

Mi pare cosa buona e giusta!

10 – Il murales in piastrelle di Joana Vasconcelos

Se come me, siete amanti della street-art, non potete non programmare una sosta al murales di Joana Vasconcelos in Praça Guilherme Gomes Fernandes. È largo 20 mt ed ogni piastrella è dipinta a mano dall’artista portoghese famosa per le sue sculture e per aver partecipato alla biennale di Venezia.

*I tour a cui ho preso parte sono stati realizzati in collaborazione con Musement e permettono di realizzare un’esperienza a 360° nella città di Porto utilizzando i bus turistici per 48h senza limiti, compresa la crociera dei 6 ponti, la visita alle cantine di Càlem e di avere sconti nei musei e nelle attività culturali ed enogastronomiche.

Cosa e dove mangiare a Porto

Cosa mangiare a Porto Portogallo
Da sx pesce al Restaurante Roma, la Francesinha e le Pasteis de Nata

A proposito di enogastronomia, mica vi lasciavo a bocca asciutta!

In verità, come sapete, non sono una grande mangiatrice ma sono una curiosa instancabile e amo mangiare locale quando sono all’estero.

Un suggerimento che vi do è di chiedere sempre alla gente del posto di consigliarvi un ristorante o bar in cui vanno loro, non turistico, laddove si possa fare.

Un ristorante economico dove mangiare local a Porto

Per la cena vi consiglio il restaurante Roma che, nonostante il nome, è proprio portoghese doc. Vi ritroverete in un piccolo locale dall’atmosfera familiare, con la tv accesa sulla “ruota della fortuna” portoghese, e del pesce freschissimo a prezzi davvero irrisori. L’indirizzo è Rua de Santo lldefonso, Nº 310.

Dove mangiare la Pasteis de Nata

In Portogallo il dolce nazionale è la Pasteis de Nata. Il mio consiglio è di assaggiarla alla Manteigaria o Fábrica de Pasteis de Nata in Rua de Alexandre Braga 24 con la cucina a vista per scoprire i segreti del dolcetto più famoso del paese.

Dove mangiare la francesinha a Porto

Un altro piatto tipico di Porto è la francesinha, una sorta di sandwich ripieno di salsiccia, salumi e una fetta di carne, il tutto ricoperto da abbondante formaggio fuso. Io vi consiglio di prenderne una in due. Le porzioni in Portogallo sono decisamente abbondanti e la francesinha, come avrete ben capito, non è certo un piatto leggero!

Il posto dove mangiare la migliore francesinha di Porto è il Cafè Santiago, in R. de Passos Manuel 226.

E direi che adesso, a pancia piena, non mi resta che darvi appuntamento alla prossima tappa di questo viaggio in Portogallo oppure augurarvi buon viaggio se vi ho fatto venire voglia di una gita a Porto.

Fatemi sapere!

Ultima modifica by unadonnaalcontrario

2 thoughts on “Cosa vedere a Porto in Portogallo

  1. Mi piace molto il tuo incipit 🙂 Sono stata a Porto solo due giorni e la mia aspettativa era tutta per Lisbona. Invece ho scoperto una città vibrante, calorosa, ariosa. Pensa che la Cappella delle Anime l’ho vista per caso passeggiando (a volte viaggio così… approssimativamente :D) e solo dopo ho capito cosa fosse! 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!