10 cose da vedere a Coimbra

10 cose da vedere a Coimbra

Su, su che prima o poi si arriva in cima.

Sì, perché, mie care anime al contrario, mi tocca avvertirvi:

abbandonate ogni speranza pianeggiante ché a Coimbra è tutto in salita.

Eppure quant’è piacevole passeggiare per le sue stradine che si arrampicano verso l’alto!

Quanta storia e quanta cultura attraverserete tra un vicolo e l’altro!

In questa piccola cittadina, capitale del Portogallo fino al 1255, sono nati ben sei re portoghesi e la sua università da più di cinque secoli è ancora oggi il maggior polo universitario del paese.

Si adagia sul fiume Mondego la bella Coimbra, e dai suoi bar si sentono fuoriuscire le note del fado.

Tra le città visitate in questo viaggio in Portogallo è probabilmente quella con l’animo più intellettuale e la cosa la avvolge di un fascino senza epoca.

10 cose da fare e vedere a Coimbra

Sì, è vero, è minuta Coimbra ma di cose da fare e da vedere ce ne sono parecchie ed io ho cercato di mettere insieme quelle che più mi hanno conquistata. Allora, che ne dite, si va?

1 – Igreja de Santa Cruz

Igreja de Santa Cruz
Igreja de Santa Cruz

L’Igreja de Santa Cruz è probabilmente il primo edificio di interesse in cui vi imbatterete.

Si trova infatti a Praça de Maio, centro della passeggiata cittadina con i locali e i negozietti turistici.

È considerata monumento nazionale perché qui sono sepolti Alfonso I e Sancho Alfonso che sono stati i primi due re del Portogallo. Il monastero di Santa Cruz è stato uno dei più importanti centri religiosi del Portogallo e per un lungo periodo anche una delle scuole più rispettate del paese.

2 – Sé Velha

Sé Velha Coimbra
Sé Velha, l’antica Cattedrale

Più che una chiesa, la Vecchia Cattedrale di Coimbra ricorda un edificio fortificato. Questo perché venne costruita dopo la Battaglia di Ourique che segnò l’inizio del regno di Alfonso I e la nascita del Portogallo stesso. L’intento infatti era quello di difendersi da un possibile attacco dei mori.

Ma non lasciatevi spaventare dall’aspetto austero: io per esempio trovo questo stile medioevale caldo ed accogliente. Sarò “al contrario” ma per me è la chiesa più bella di Coimbra!

3 – Se Nova

Se Nova Coimbra
Se Nova, la Cattedrale Nuova

Totalmente diversa la struttura della Nuova Cattedrale che si erge su una collina.

La facciata è pulita ed essenziale rispettando i canoni gesuiti ma, in contrasto con l’esterno, dentro si arricchisce di oro, elementi barocchi, dipinti.

4 – L’università

Università Coimbra

E salendo, salendo, siamo arrivate/i nel punto più alto di tutta Coimbra, laddove sorge una delle più antiche università europee.

Trasferita la sede da Lisbona a Coimbra nel 1537, da allora qui si sono susseguiti insegnanti di altissimo livello che l’hanno consacrata come uno dei centri accademici più antichi e prestigiosi d’Europa. Ancora oggi attrae studenti da tutto il paese e dal mondo.

5 – Biblioteca Joanina

La Biblioteca Joanina fa parte dell’università di Coimbra. Sono più di 250.000 i testi rari e antichi, consultabili in questa splendida biblioteca tra saloni, stucchi dorati e archi decorati dai maggiori artisti portoghesi.

Piccola curiosità: tra gli scaffali sembra abbia preso casa una bizzarra e preziosa popolazione di pipistrelli. Sapete perché sono preziosi per la biblioteca? Perché si nutrono di tarme, di insetti e tarli, noti per la loro passione per la carta.

Ma non abbiate paura: i pipistrelli durante il giorno dormono, come è giusto che sia per gli esseri notturni, quindi difficilmente incapperete in uno di loro!

6 – Capela de São Miguel

Anche la Capela de São Miguel si trova all’interno del complesso universitario di Coimbra, come la Biblioteca Joanina.

Bellissima la porta di ingresso in stile neoclassico e, all’interno, i miei amati azulejos alle pareti delle navate e del coro.

7 – Jardim Botánico

È immenso e incantevole il Giardino Botanico di Coimbra.

Appartiene al complesso universitario e si occupa di biodiversità e di preservazione delle specie botaniche con una forte attenzione ai cambiamenti climatici e alle energie rinnovabili.

È uno di quei posti dove potrete riposarvi e ammirare il panorama di Coimbra verso il fiume.

8 – Mosteiro de Santa Clara a Velha

Mosteiro de Santa Clara a Velha Coimbra
Mosteiro de Santa Clara a Velha

Riscendiamo giù e attraversiamo il fiume Mondego per raggiungere il Vecchio Monastero di Santa Clara.

Risale al 1280, ma fu Dona Isabel, moglie del re Denis a rifondarlo nel 1314 fino alla sua consacrazione nel 1330. Purtroppo la regina morì solo sei anni dopo e al suo sepolcro fu dedicato un posto d’onore proprio qui.

A causa delle continue alluvioni del Mondego, con conseguenti danni al Monastero, la tomba della regina e la sede del monastero stesso vennero spostate più a nord dove oggi sorge il Convento de Santa Clara a Nova.

Da fuori potete osservare i reperti archeologici venuti alla luce durante i lavori di restauro.

9 – Mosteiro de Santa Clara a Nova

Il Nuovo Monastero di Santa Clara sostituì il suo “predecessore” nel XVII secolo. Come ben si può immaginare, fu dedicato a Dona Isabel, la cui tomba si trova proprio sopra la navata centrale. A ricordarla ci sono anche una statua e i pannelli laterali che ne narrano la vita.

10 – Ascoltare il fado a Coimbra

Una delle cose che ho amato di più di Coimbra è che in città ci sono diversi bar e locali che organizzano spettacoli di fado gratuiti.

Personalmente vi consiglio il Cafè Santa Cruz perché oltre ad ascoltare la nostalgica musica portoghese, potrete sorseggiare un aperitivo tra soffitti a volta e vetrate gotiche. Tra l’altro i prezzi sono assolutamente abbordabili, niente di esoso vista la posizione a fianco della Igreja de Santa Cruz, in pieno centro di Coimbra.

Come raggiungere Coimbra

Coimbra dista 200 km da Lisbona e poco più di 100 km da Porto. Come in tutto questo mio viaggio in Portogallo, mi sono mossa in autobus.

Nello specifico ho raggiunto Coimbra da Aveiro con un bus di Rede Expressos in 45 minuti al costo di 6 €.

Dove mangiare a Coimbra

Parete Zé Manel Dos Ossos
La parete con i bigliettini di Zé Manel Dos Ossos

Lasciate perdere ristoranti di lusso, ampi e luminosi. Qui ci troviamo davanti ad una minuscola osteria dove per entrare dovrete mettervi in fila MOLTO, MOLTO PRESTO perché dentro ci entrerete in massimo 20 persone e pure sedute una vicina all’altra.

Sto parlando di Zé Manel Dos Ossos in Beco do forno 12. Il piatto tipico è proprio l’Ossos, simile al nostro bollito di carne, ma io ho preso l’octopus, il polpo, che era super buono.

Ricordatevi di prendere le mezze porzioni se non volete uscire dal ristorante rotolando per tutta Coimbra!

Una piccola curiosità: le pareti di Zé Manel sono completamente rivestite da biglietti, disegni e messaggi dei clienti, piccoli e grandi.

Cosa che, insieme alla disponibilità del proprietario, ti fa sentire proprio come a casa!

Con Coimbra chiudo il racconto di questo bel viaggio on the road in Portogallo e mi auguro di avervi trasmesso, aldilà delle informazioni utili, tutte le emozioni che io ho provato nel paese lusitano.

Non esiste viaggio se non si portano a casa sensazioni, profumi, immagini.

Quelle rimangono indelebili aldilà di ogni nozione turistica. Buona vita a tutte/i!

Ultima modifica by unadonnaalcontrario

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!