Linee di Nazca: origini, misteri e informazioni utili

Linee di Nazca: origini, misteri e informazioni utili

Alzi la mano chi come me si accende alla parola “mistero”!

Ero già una multipotenziale curiosissima quando da ragazzina guardavo X-files e mi appassionavo ai geoglifi misteriosi della terra.

Con questa premessa, secondo voi, avrei mai potuto organizzare un viaggio in Perù e non inserire nel programma le linee di Nazca? Ovviamente no!

Il fatto è che queste incredibili linee nascondono ancora oggi quesiti e dubbi sulla loro origine.

E allora lasciatevi coinvolgere in un gioco che, se un po’ ci somigliamo, non vedrete l’ora di fare.

Usando quel gran potere di cui noi umani siamo fortunatamente forniti e che risponde al nome di “immaginazione”, vestiamoci delle sembianze di moderne/i Indiana Jones e andiamo alla scoperta delle misteriose linee di Nazca.

Go!

Origini delle linee di Nazca: chi le ha fatte

Condor linee di Nazca
Il Condor

Cappello in testa, scarpe impolverate e via con la prima domanda: chi ha ideato e realizzato queste strane e immense linee sul terreno arido a ottanta chilometri dalla città di Nazca?

I libri dicono siano opera della civiltà Nazca, popolo pre-Inca, e che risalgano al periodo che va dal 200 a.C. al 600 d.C. 

Stiamo parlando di circa 13 mila linee dalle forme più diverse, un numero assurdo, non credete?

Si tratta per lo più di figure geometriche e animali estese su una superficie di 750 km², profonde circa 30 centimetri e di dimensioni straordinarie: alcune figure coprono i 300 metri di lunghezza. Il che rende ancora più incredibile la realizzazione umana.

Si pensa, e alcuni studi archeologici lo hanno dimostrato, che i Nazca abbiano prima creato i disegni e poi li abbiano ingranditi in scala utilizzando pilastri di legno allineati o un sistema di reti sul terreno. Avrebbero in questo modo rimosso il colore rosso dato dall’ossido di ferro e fatto emergere la sabbia biancastra sotterranea.

Per fortuna, grazie all’aridità di questa zona e all’assenza praticamente totale di vento e pioggia, le linee sono rimaste intatte nei secoli e ancora oggi possiamo ammirarle.

Quello che ancora risulta un enigma è come i Nazca siano riusciti a disegnare queste enormi figure con un unico tratto. Approfondiamo quindi…

I misteri delle Linee di Nazca

Pappagallo Linee di Nazca
Il Pappagallo

Ma cosa sono le linee di Nazca?

Sul nostro tavolo da esploratrici/ori ci sono tante ipotesi sul significato e sui misteri che avvolgono le linee di Nazca.

C’è chi pensa che qui ci sia stato uno sbarco alieno ma questa supposizione sembra davvero poco credibile per via del terreno soffice che non permette l’atterraggio di mezzi pesanti.

Addirittura c’è chi dice siano dei tracciati per gare da corsa, ma è più probabile che indicassero il percorso ai pellegrini provenienti dalle montagne e più misticamente a Viracocha, l’eroe peruviano che dal cielo tornò sulla terra.

Qualche studioso ha paventato l’idea che siano la prova di una civiltà precedente ai Nazca, molto più evoluta e di cui si sono perse le tracce.

C’è anche chi dice che avessero un significato astronomico, che alcune figure si riferissero alle costellazioni, ma sembra che gli studi dell’astronomo Gerald Hawkins abbiano fugato questa possibilità.

L’ipotesi più attendibile è che il loro scopo fosse quello di mostrare gratitudine al dio dell’acqua che, volando dalle montagne, portava in questo territorio estremamente arido un bene così prezioso per la popolazione. A confermare questa ipotesi c’è anche la scoperta recente dell’italiana, Rosa Lasaponara, ricercatrice del CNR, che ha scoperto i puquios o ojos de agua, pozzi, a forma di spirale, da cui i Nazca riuscivano ad attingere l’acqua. Questo spiegherebbe anche alcune figure, come la balena e i delfini, ispirate al mondo marino.

La scoperta delle linee di Nazca

Un’annotazione dello storico spagnolo Cieza de León risalente alla metà del 1500 accenna a “segni da qualche parte nel deserto di Nazca”. Probabilmente non gli credette nessuno visto che le linee di Nazca sono rimaste nascoste agli occhi dei più fino a pochissimo tempo fa. Fu soltanto nel 1927 infatti che il pilota Eduardo Herrán Gómez de la Torre le avvistò per la prima volta e da quel momento si cominciarono a studiare questi misteriosi solchi nel deserto peruviano che dal 1994 sono stati dichiarati dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità.

Linee di Nazca: come arrivare

E adesso portiamoci lì, perché da vere/i Indiana Jones, vogliamo verificare le nostre fonti.

L’unico modo per arrivare nella regione di Ica, dove si trovano le linee di Nazca, è via terra. Ci sono dei bus turistici che giungono qui partendo da Lima, Arequipa e Cusco. Io sono arrivata con il bus Super Civa da Huacachina (il bus che parte da Lima) in circa 3 ore. L’esperienza è stata assolutamente positiva.

Come vedere le linee di Nazca: escursioni e tour

Sorvolo geoglifi peruviani
Sorvolando il deserto di Nazca

Come visitare le linee di Nazca?

Ci sono due opzioni per osservare le linee di Nazca.

Quella più economica è un mirador che si trova sulla Panamericana Sur, e da cui è possibile vedere tre figure: la lucertola, l’albero e le mani (guardate la foto di copertina).

Il modo migliore per osservare le linee di Nazca è sicuramente l’aereo. È un’alternativa decisamente più dispendiosa e senz’altro più avventurosa ma ne vale assolutamente la pena.

C’è un minuscolo aeroporto da cui potrete prendere un altrettanto minuscolo aeroplano con cui farete un’esperienza psicofisica, simile solo alle montagne russe. L’aereo infatti essendo così piccolo subisce i movimenti dell’aria in maniera estremamente tangibile con virate nette a destra e sinistra.

Ma del resto siamo delle/gli Indiana Jones provette/i, giusto?

Unica raccomandazione che mi sento di darvi: salite a stomaco vuoto!

Informazioni utili per il sorvolo

Per acquistare il biglietto aereo per le linee di Nazca vi servirà il passaporto o la carta d’identità. Se andrete in alta stagione, vi consiglio di prenotare in anticipo. Altrimenti fate tutto direttamente in aeroporto. Troverete varie compagnie aeree che, per lo più, si equivalgono. Non vi stranite se vi peseranno: serve per bilanciare il peso a bordo.

Il biglietto per il sorvolo costa intorno ai 100€ e dura circa 30 minuti.

Io ho volato con la compagnia Movil Air e, a parte la signora a fianco che immagino non sia salita a stomaco vuoto, mi sono trovata bene.

Molte fonti dicono che questo sorvolo sia pericoloso a causa di alcuni incidenti aerei che si sono verificati nel passato. Sinceramente non mi sento di consigliarvi in tal senso. È una scelta personale a cui io non avrei rinunciato e che l’emozione vissuta ha confermato essere imprescindibile. Ma un po’ come per Vinicunca, bisogna scegliere in base alla vostra conoscenza di voi stesse/i.

Vi lascio il link di PromPerù con le informazioni sempre aggiornate.

Quali sono le linee di Nazca?

Colibrì Nazca
Il Colibrì

E adesso che siamo in alto nel cielo, a bordo del nostro aeroplanino super avventuroso, che ne dite di buttare l’occhio giù e, armate/i di obiettivo e curiosità, emozionarci guardando le tanto agognate linee di Nazca?

Gli occhi osservano e la mente non può non notare le reminiscenze esoteriche, la precisione con cui le figure naturalistiche e geometriche si palesano sotto di noi.

Il Colibrì

Il Colibrì è senza dubbio il più famoso geoglifo di Nazca, dalla figura armonica, creato per onorare il dio dell’acqua.

È lungo 94 metri e la distanza tra le ali è di 66 metri.

Il Colibrì in Perù è un animale sacro, portavoce degli dei. Si pensa che i colibrì partecipassero alle cerimonie religiose in onore delle divinità delle montagne che dall’alto delle Ande inviavano l’acqua in questa zona arida.

L’Airone

Airone, fenicottero, alcatraz, fenice, lo chiamano in molti modi questo uccello dalle sembianze mitologiche lungo 300 metri e largo 54.

Ha il collo a zigzag e il becco rivolto ad est.

È votato al dio del Sole e nei giorni del solstizio d’estate (tra il 20 e il 23 giugno) si vede l’alba sorgere sul suo becco.

La Scimmia

Scimmia geoglifi Nasca
La scimmia

Forse la figura più controversa è quella della Scimmia.

Lunga 135 metri fu scoperta dalla ricercatrice tedesca Maria Reiche che ipotizzò rappresentasse l’Orsa Maggiore. In realtà la civiltà Nazca, che disegnò questa figura con nove dita e una coda a spirale in quanto animale divino, credeva che le scimmie vivessero in ambienti acquatici. Questo confermerebbe ulteriormente l’ipotesi più accredita, legata al culto dell’acqua.

Il Ragno

La figura del Ragno è per me la più intrigante delle linee di Nazca.

Non è la più grande, nonostante sia lunga 46 metri, ma è sicuramente la più misteriosa se guardiamo la sua realizzazione grafica e la sua origine.

Si tratta infatti di un ragno molto raro della famiglia dei Ricinulei che si trova solo in Amazzonia.

Il mistero più grande che avvolge la figura del ragno è il piccolo organo genitale che si trova su una delle zampe.

Ci si chiede ancora oggi come abbiano potuto i Nazca riprodurre un animale che viveva a 1500 chilometri da qui e soprattutto come abbiano fatto senza l’uso del microscopio a vedere il piccolo genitale nascosto. Maria Reiche ipotizzò che fosse collegato alla costellazione di Orione supportando la sua tesi che questo territorio fosse utilizzato come calendario astronomico. Ma questa ipotesi è stata fugata da studi successivi che hanno confermato che soltanto una minima parte di queste figure sono orientate lungo i corpi celesti.

L’astronauta

Ahimè, non ho una foto dell’astronauta perché in quel momento l’aereo ha subito un bel vuoto d’aria. Sono riuscita a beccarlo solo in un breve frame di video con il cellulare, quindi la definizione non è granché.

Ma mie/i care/i Indiana Jones al contrario, quanti interrogativi mi ha messo su questa figura. Mi spiegate come sia possibile che i Nazca abbiano potuto immaginare la divisa di un astronauta?

Chiaramente si presta alle ipotesi aliene ma forse è più plausibile pensare che raffigurasse uno sciamano durante una cerimonia contro la siccità.

Chissà se mai qualcuno svelerà il mistero celato dietro questa e le altre linee di Nazca.

A noi, mie/i care/ Indiana Jones del 2020, non resta che approfondire la questione.

Chi ha notizie succulente e, soprattutto, aggiornate, le scriva in un commento. La nostra ricerca sui misteri delle Linee di Nazca continua…

… e qui se sono stata brava, dovrebbe partire la musica di Indiana Jones.

Vi prego, ditemi che la sentite… ahah!

Ultima modifica by unadonnaalcontrario

14 thoughts on “Linee di Nazca: origini, misteri e informazioni utili

  1. Ho guardato un documentario proprio domenica su queste spettacolari linee di Nazca la loro storia o meglio ciò che si pensa sia il motivo della loro creazione. Mi piacerebbe molto poterle vedere almeno sorvolando i con un elicottero.

  2. Vedere le linee di Nazca è uno dei miei sogni legati al Perù. Sono stata in quella nazione anni fa ma, per questioni di tempo e budget, non sono riuscita ad andare.

    1. In effetti non è economico, ci ho tenuto a scriverlo ma ti auguro comunque di poterci tornare e riuscire a realizzare questo tuo sogno.

  3. Ho sorvolato le linee di Nazca durante il mio viaggio in Perù: è vero, sono davvero misteriose e super interessanti da vedere. Peccato aver sofferto un pò l’aereo… 🙂

  4. Che meraviglia. La cosa per me più straordinaria è poter viaggiare ancora di Fantasia. Supposizioni, anni di studi, non mi distoglieranno dal fatto che creature di pianeti sconosciuti abbiano potuto creare questi disegni. Non possiamo sapere infatti se i mezzi a loro disposizione fossero talmente pesanti da non poter atterrare su un terreno del genere. E poi, chi ci dice che non abbiano avuto proprio dei laser predisposti attaccati all’astronave? Disegni fatti proprio in volo. Perdonami, ho una fantasia spropositata.

    1. Ma sei fantastica! Io mica le avevo pensate tutte queste cose. Adesso mi hai fatto venire nuovi dubbi. Meglio così, altrimenti mica saremmo delle appassionate di misteri 😀

  5. Piano piano mi sto leggendo tutti gli articoli sul Perù per iniziare ad organizzare un itinerario da mettere in pratica appena trovo un volo “low cost” (o almeno non costosissimo!)… anche io sono una che appena sente la parola mistero si incuriosisce subito! Ho preso solo una volta un aereo ultraleggero e un po’ in Perù mi preoccuperebbe non tanto per il mal d’aereo ma per gli standard di sicurezza

    1. Sono felice di poterti essere utile per questo tuo viaggio in Perù. Sai che gli standard di sicurezza dei voli non mi sono sembrati bassi? Ti dirò che avevo più ansia ad andare in giro con le 4 ruote 😀

  6. Veramente incredibile il mistero di queste linee. Personalmente non credo agli alieni quindi ci deve essere una spiegazione archeologica convincente, penso che davvero le civiltà precolombiane fossero molto evolute e che quindi siano state capaci di realizzare disegni così perfetti senza avere la possibilità di vederli.

  7. Non conoscevo assolutamente questi misteri sulle Linee di Nazca, in realtà non conoscevo neanche le linee di Nazca Davvero molto interessante , ho letto con piacere!

    1. Allora sono felice di averti fatto conoscere qualcosa di nuovo. Il nostro mondo è ricco di curiosità e bei posti e forse non finiremo mai di conoscerli tutti 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!