Misteriosi, saggi e buffi. Semplicemente… GATTI

Misteriosi, saggi e buffi. Semplicemente… GATTI

Il buon Sibaldi dice che cani e gatti … «stanno con noi apposta per cercare di migliorare un po’ la sorte dei senzacoda che in cambio gli aprono le scatolette».

Questi sono gli ultimi giorni della mia compagna di vita, l’ultima della mia famiglia felina. 17 anni di vita condivisa con tre esseri superiori, senza alcun dubbio. Ma non voglio scrivere un post strappalacrime per soli amanti degli animali. Voglio solo raccontarvi cosa ho imparato da tutta questa faccenda. E mi auguro anche di strapparvi un sorriso.

Perché i gatti sono saggi, sì, ma sono anche tanto buffi.

alt= gatti - cuccioli

Il buon Schizzo è sempre stato cagionevole e, anche, un po’ imbranato.

Non sapeva arrampicarsi. Ma voi ci credete che un gatto non sapesse arrampicarsi?

Guardava il suo fratellone andare sempre più su e lui dal basso mi fissava piangendo. Beh, gliel’ho insegnato io!

Però poi ha imparato ed è diventato anche bravo.

Schizzo era un simpaticone. Aveva così bisogno di giocare che era capace di portare dalla sua anche il peggior gattaccio di strada. Con lui giocavano tutti.

Era il più pronto a reincarnarsi in un essere umano… perché amava stare in braccio come i neonati e ci stava per ore… perché sembrava parlasse e non miagolasse…

LUI MI HA INSEGNATO CHE POTEVO PRENDERMI CURA DI UN ESSERE “ALTRO”, io che pensavo proprio di non poterci mai riuscire.

Mi ha regalato 7 anni meravigliosamente divertenti.

alt= Gatti - Poldo
Poldo

Poldo. Oh, con lui era telepatia pura!

Sono sempre stata convinta che Poldo sia arrivato nella mia vita per proteggermi.

Lui era il vero padrone di casa e non faceva nulla per nasconderlo, anzi lo dichiarava apertamente.

Lui era il mio Ercole. Possente. Un grande atleta. Poldo era capace di fare salti di 3 metri senza colpo ferire. Peccato che se sentiva un tuono, il suo coraggio finiva con le orecchie basse sotto il letto 😀

E lui era anche protettivo, con il fratello, e con me. Lui non mi chiamava come faceva Schizzo. Lui mi osservava, era sempre vigile e, quando era il momento, arrivava.

Se per caso ero sul divano a soffrire per un’influenza o per un fidanzato deficiente, lui si posizionava di fronte a me, e mi guardava fisso negli occhi. Questo per ore, finché non mi tiravo su da quello stato comatoso e tornavo alla mia vita di sempre.

IO E LUI ERAVAMO UNA SOLA COSA.

Se n’è andato così come era nella vita, senza disturbare, mentre ero fuori di casa, a 11 anni. Vuoto mai colmato.

E veniamo a lei. Nuvola.

Mia suocera la chiama l’aristogatta per la sua somiglianza con la gatta del cartone animato.

Per me è sempre stata la mia principessa dagli occhi magici.

Me lo ricordo ancora il primo giorno che l’ho vista, spelacchiata e con quell’aria vispa di chi la sa lunga. Poche ore dopo era il mio regalo di compleanno, 16 anni fa.

LEI MI HA INSEGNATO COSA VUOL DIRE ESSERE FEMMINA, DENTRO E FUORI.

LEI MI HA INSEGNATO CON QUALE DIGNITÀ BISOGNA VIVERE.

Quanto ci somigliamo io e lei. Tutte e due riservate, tutte e due delicate di stomaco, tutte e due infastidite dalle persone che alzano la voce. E tutte e due forti.

È sempre stata lei la predatrice di casa. Quei due maschioni non erano in grado neanche di prendere una mosca. Lei invece prendeva tutto. Una volta mi ha portato una tortora e la scena è stata tragicomica. Io che la rincorrevo per casa perché volevo salvare la poverina, mentre le dicevo: “Uh, che brava la mia Nuvolina! Ma sei stata bravissima. Adesso vieni qui da mamma a darmi il premio (per fortuna sono riuscita a liberarla)”.

So che tra poche ore/giorni smetterò di guardare quel suo sguardo magico e piango. Sono settimane che piango. Pensavo che le lacrime avessero fine, ma il mio rubinetto non si chiude.

Eppure LEI MI STA INSEGNANDO ANCORA QUALCOSA.

Lei che nonostante stia male, continua a mangiare e a saltare.

Lei che fino all’ultimo istante non si arrende ma VIVE.

Non ci sta a lasciarsi andare.

Ci sono momenti che è evidentemente in sofferenza ma poi, poco dopo, la vedi che si rialza e fa le sue cose. Fino all’ultimo istante. Perché LA VITA È IL PIÙ PREZIOSO DI TUTTI I TESORI Condividi il Tweet e lei me lo sta ripetendo ogni secondo con il suo comportamento.

Dopo di lei, cercherò di vivere fino in fondo il mio lutto e cercherò di elaborarlo. Non farò chiodo schiaccia chiodo perché “i cuccioli consolano”… che mica quando si perde un parente caro, lo si sostituisce con un bambino trovatello.

Soprattutto cercherò di vivere la mia vita ricordandomi tutto quello che hanno cercato di insegnarmi… anche se qualche volta, la mia bella Nuvola mi guarda come a dire: “Oh, mamma mia! Ma non hai proprio imparato nulla. Tutto fiato sprecato”. Con quell’aria da sciura milanese che non ha mai perso 😉

No, non sarà fiato sprecato.

OGNI SECONDO DI VITA È IL PIÙ PREZIOSO DI TUTTI I TESORI.

Questo e molto altro resterà della mia splendida principessa.

17 thoughts on “Misteriosi, saggi e buffi. Semplicemente… GATTI

  1. Mi hai fatto commuovere davvero!! Nelle tue parole ho letto tanto amore, rispetto e anche divertimento!
    In tante cose sei come me!
    Anche io penso che tutti i nostri amori ci insegnino ogni giorno qualcosa di unico

    1. Grazie, cara. purtroppo dopo una notte difficile, stamattina ho dovuto salutare la mia Nuvola. Ora so che è serena e che ha ripreso a respirare bene

  2. Ti scrivo da gattaro. Anche la mia Sushi ha i mesi contati, ma lei non lo sa e se ne frega, dorme abbracciata con me, mi aspetta alla porta con la coda che vibra. E ciò che dici è vero, e quindi non perdo un secondo dei nostri momenti e cerco di viverli tutti. L’amore di un animale è una manifestazione tangibile delle forze del cosmo.

    1. La mia Nuvola se n’è andata stamattina. Adesso mi sento stranamente leggera nonostante pianga ancora. Hai ragione tu, goditi questi dettagli. Loro non si fanno pippe mentali. Vivi il qui e ora come fa la tua Sushi

  3. Come arrivare all’ultima riga senza gli occhi lucidi? Hai proprio ragione, ogni secondo passato con loro ci arricchisce e rende la vita più bella. Un’emozione profonda che non tutti possono capire e che è bello ritrovare nelle tue parole.

    1. Grazie mille, Silvia. Ogni giorno mi dico “ho finito le lacrime, adesso sono pronta” e… ricomincio a piangere. Insomma non credo si sia mai pronti

Rispondi