SAFARI

SAFARI

Dopo l’annuncio, la scelta della copertina e la recensione delle tre cavie, qui di seguito trovate la trama di Safari.

Se dopo aver letto la storia di Lisa, protagonista del libro, vi avrà incuriosito e avrete voglia di approfondire il suo viaggio, al termine dell’articolo troverete il link per acquistarlo.

Come sapete, Safari è un progetto totalmente autopubblicato, per questo il vostro sostegno è assolutamente fondamentale.

QUI TROVATE LE RECENSIONI DI SAFARI FATTE DA CHI TRA VOI LO HA GIÀ LETTO. Grazie ancora di tutto.

Enjoy!

SAFARI, il libro di Unadonnaalcontrario

Che ci faccio qui?

Per tutta la vita questa domanda è stata per Lisa come un gatto fedele.

Il desiderio di essere altrove è scritto nel suo DNA.

Un costante e continuo dilemma tra lo stare dentro una società fatta di parenti, amici, colleghi, nel ruolo di figlia, madre, moglie, sorella, confidente, in definitiva in un ruolo di responsabilità, e lo stare con se stessa e…basta!

Lisa, come un vulcano spento da troppo tempo, esplode.

E non lo fa auto-affligendosi, criticandosi o indossando i panni della vittima.

Dichiara al mondo una decisione di libertà e con quella inizia un viaggio.

COPERTINA 2 SAFARI

Un viaggio, un Safari, che, sì, è un giro del mondo, ma è soprattutto un andare giorno dopo giorno, paese dopo paese, pensiero dopo pensiero, un po’ più dentro di sé, in profondità, un discendere alla scoperta della propria natura vera.

Un percorso che parte da sensazioni infernali, da una quotidianità impervia e apparentemente senza via d’uscita, e che la porta attraverso episodi anche molto divertenti, verso il Paradiso interiore, l’Illuminazione Buddista.

Non una sorta di astrazione dalla società, piuttosto un togliere il velo dagli occhi e vedere la realtà per quella che è, liberarsi pian piano dai preconcetti, dalle proprie abitudini, dalle durezze interiori, per rivelare la natura pura e potente dell’essere umano, di qualunque essere umano.

Ultima modifica by unadonnaalcontrario

15 thoughts on “SAFARI

  1. Mi sto appassionando alla storia di Lisa nonostante sia solo all’inizio. Ci sono volte in cui mi chiedo quanto di autobiografico ci sia dentro e ogni volta mi sembra di scoprirti un po’ meglio mentre conosco Lisa!

    1. Non chiedertelo troppo. Io e Lisa non siamo la stessa persona. C’è qualcosa di me in lei e qualcosa di lei in me ma non farei alcune scelte che lei ha fatto, anzi non le ho fatte. Io il mio giro del mondo l’ho fatto con mia figlia per esempio 😉

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!