Alla scoperta del mondo interiore attraverso i libri su yoga e meditazione

Alla scoperta del mondo interiore attraverso i libri su yoga e meditazione

*in collaborazione con Il Giardino dei Libri

Sono una curiosa incallita e questo mi ha portato a sperimentare varie pratiche di meditazione in lungo e in largo.

Una di quelle che ritengo senz’altro più profonde è il viaggio.

Pratico il Buddismo da più di vent’anni. Ho meditato grazie alle pagine del mattino e con il diario della gratitudine. Considero persino la tecnica dei 101 desideri una pratica meditativa perché riesce ad agire nella coscienza profonda, quella non controllata dalla mente razionale, che sta sempre lì a giudicare cosa facciamo e cosa non facciamo (ma quanto parla a volte, vero?!).

Quando l’anno scorso mi sono iscritta in palestra, l’unico corso che riuscivo a seguire era il corso di Yoga. E mi piaceva, non avete idea di quanto!

Amavo iniziare la giornata con la mia lezione di yoga alle 9 del mattino.

Per quell’ora, o quasi, riuscivo a dimenticare lavoro, figlia, marito e soprattutto mettevo da parte il groviglio della mente.

Sentivo migliorare il mio benessere psicofisico.

Qualche volta riuscivo anche a percepire come una sorta di flusso che scioglieva i blocchi interiori, vere e proprie rocce calcaree che solo il respiro riusciva a sgretolare.

Poi da cinque siamo diventate tre, due, infine sono rimasta solo io e il corso è stato chiuso, ahimè.

Ma non per questo ho smesso di fare yoga.

Libri per approcciare l’arte dello yoga e della meditazione

la pratica della meditazione camminata
*foto da ilgiardinodeilibri.it

Non esiste un unico metodo per accedere all’arte della meditazione. A volte anche una cosa semplice come osservare il mare, ti porta a toccare una parte profonda che non conosciamo poi così tanto.

Quello che conta è trovare la tecnica più adatta a sé, cercare di praticarla con costanza e, in questo modo, verificarne i benefici sulla propria vita.

Un aiuto molto valido sono i libri, libri su yoga e meditazione che aiutano ad approcciare un’arte che vale la pena di approfondire.

Di solito ne trovo di molto validi in www.ilgiardinodeilibri.it.

Libri sulla meditazione tibetana, sull’Hatha Yoga, magari corredati da CD e DVD che aiutano a concentrarsi meglio cercando di mettere in comunicazione corpo e mente, materia e spirito che, come ben sapete, non credo siano separati.

Tecniche per la meditazione

yoga e religiosità
*foto da ilgiardinodeilibri.it

Una delle cose che ho scoperto grazie allo yoga è che respiravo malissimo. Noi non ce ne accorgiamo ma, nella nostra vita quotidiana, a partire da quando siamo bambine/i, ogni volta che viviamo una situazione di stress o di ansia, tendiamo a contrarci, a chiuderci. E anche il nostro diaframma si contrae disimparando la respirazione corretta. La fortuna è che possiamo re-imparare. Yoga e meditazione, con un po’ di pazienza e qualche esercizio, ci aiutano a raggiungere e a stabilizzare una respirazione profonda.

E una volta imparata, vedrete che diventerete più consapevoli. Vi accorgerete mentre camminate o siete anche solo al computer a lavorare, se il vostro respiro tenderà a contrarsi oppure no.

Liberare il nostro potenziale creativo

Lo yoga dalla mia insegnante era il Kundalini Yoga, anche detto “yoga della consapevolezza” perché finalizzato a incanalare l’energia e a liberare il potenziale creativo latente.

Questa definizione mi piace tanto. E a voi? L’idea di riuscire a liberare qualcosa di creativo che è nascosto dentro di me e che io stessa non conosco, trovo che sia un’esperienza da farsi, o almeno da provare.

C’è anche chi preferisce la ripetizione del mantra che aiuta la mente a focalizzarsi e a trovare la concentrazione, cercando di limitare le distrazioni e il ‘rumore di fondo’ che ostacolano la meditazione.

Siamo esseri umani unici

La verità è che non esiste una tecnica perfetta in assoluto perché siamo tutti esseri umani unici e insostituibili ma abbiamo anche la grande fortuna che questo nostro mondo globalizzato ci permette di attingere a molte conoscenze e, da est a ovest, trovare quella più adatta a noi perché, alla fine, lo scopo è sempre quello di vivere la nostra vita nel modo migliore possibile, qui e ora, senza aspettare che arrivi qualcosa o qualcuno a renderci felici, godendo di tutte le cose possibili, quelle piacevoli come quelle spiacevoli, che non esiste dualità, ma siamo un unico dalle mille sfaccettature.

Enjoy!

Ultima modifica by unadonnaalcontrario

14 thoughts on “Alla scoperta del mondo interiore attraverso i libri su yoga e meditazione

  1. Certo che l’ideale sarebbe frequentare un corso di yoga con un maestro che ti corregga la respirazione sbagliata di tutti noi. Per la meditazione credo che il libri siano perfetti, dopotutto ognuno trova la sua dimensione personale anche solo guardando il mare, il libro ti aiuta ad iniziare a cercare dentro di te.

    1. Sì, sono d’accordo, meglio fare pratica con una persona esperta che ti segue. I libri però sono un buon inizio per approcciarsi al metodo.

    1. Secondo me possono essere utili per avere un primo approccio o, al contrario, quando lo fai da tempo, per evolvere ed approfondire.

  2. Ho provato tante volte a fare yoga, ma ci sono riuscita solo con alcuni insegnanti. A differenza di altre attività fisiche ho notato che per yoga/meditazione è fondamentale trovare una connessione con l’insegnante. Da sola l’unico sport che riesco a praticare con costanza è il nuoto, una volta ho partecipato a una challenge di yoga e meditazione, ma non sono riuscita ad andare oltre al mese!

    1. Sono d’accordissimo con te. La connessione è tutto, per me vale anche per tutti gli altri corsi. Quando facevo equitazione, ho cambiato tre scuole finchè non ho trovato l’insegnante giusta.

  3. Non ho mai praticato lo yoga seriamente, ho fatto qualche prova, ma nulla di più! Credo fermamente che siamo essere unici e che dobbiao vivere qui ed ora, perchè non esiste più il passato ed il futuro deve ancora arrivare. Chissà che un giorno non decida di farlo in modo più serio e regolare!

    1. Io purtroppo ho smesso ma spero che riattivino il corso per riprendere. A me aveva fatto tanto bene. Intanto approfondisco con i libri.

  4. Piacerebbe anche a me fare yoga ma lavorando su turni non riesco più a seguire costantemente qualcosa, un libro o un video possono essere un buon compromesso per continuare a praticare ciò che ci fa stare bene.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!